benvenuti nel nostro angolo di mondo!

Io sono mamma Michela e Nicole la bimba o "mimma" come diceva lei da piccolina,ma ci sono anche papà Orso,la tataElisa,il tatoGabriele,i gatti Garfield e Susy,Sara,il cane Lucky e la cricetina Chiara...tutti assieme formiamo "la banda del cucchiaio di legno"!ci definiscono un pò "pittoreschi" e lo prendiamo come un complimento,di sicuro facciamo le cose come ci dice la nostra testa e il nostro cuore in barba alle critiche!
Trovo che la televisione sia molto educativa. Ogni volta che qualcuno l'accende, vado in un'altra stanza e leggo un libro. Groucho Marx

noi due...

Daisypath Anniversary tickers

Elisa

Lilypie Kids Birthday tickers

Gabriele

Lilypie Kids Birthday tickers

Nicole

Lilypie Fifth Birthday tickers

venerdì 27 aprile 2012

gli invalsi visti con gli occhi di un bambino

Suona la campanella, tra urla e sorrisi, tra un finalmente è finita, o un si va a casa, ecco che i bambini nella fuga con lentezza verso l’uscita dalla propria Scuola, si apprestano a raggiungere le famiglie. Abbracci e sorrisi, manine strette nelle mani grandi e ferme degli adulti, ed in poco tempo dal caos della fuga ecco la quiete surreale circondare la scuola. Ma non tutti i bambini erano sorridenti. Non tutti i bambini erano felici. Giulia, perchè questo musetto? Non sei contenta di vedermi? La mamma di Giulia, cercava lo sguardo fuggente della propria bambina, sentiva la sua manina sudare e mentre sollevava lo zaino per caricarlo sulle proprie spalle le chiese… è successo qualcosa a Scuola? Parole che si smarrirono nel silenzio di quel cammino che avvicinava Giulia al mondo degli adulti. La bambina non rispondeva, poi all’improvviso, si soffermò a guardare un gabbiano, che giocava con le nuvole, che volava senza alcun tipo di ordine comprensibile allo sguardo di qualsiasi essere umano freddo e razionale, ma comprensibile allo sguardo di Giulia. Sai perchè vola in quel modo il gabbiano? Perchè vuole giocare, vuole divertirsi, posso essere un gabbiano io mamma? Con la fantasia sì, ma tu Giulia sei una bambina, non un gabbiano. Perchè mamma mi hanno chiesto a Scuola se sono femmina o maschio? Non lo sanno cosa sono io? Che dici Giulia? Sì, mamma oggi ci hanno fatto rispondere a tante domande… Che domande? Mi hanno chiesto per esempio se sono una femmina o un maschio. Veramente? Sì. Ma che domande erano? Un Questionario dell’ Invalsi. Ah, ne avevo sentito parlare, le avete fatte oggi le prove ? Sì, sì. Ma perchè quella domanda? Boh… Ma io non sapevo cosa rispondere a tante domande. Sai che mi hanno chiesto se mi hanno rubato qualcosa di valore? E tu cosa hai risposto? Sì, mi hanno rubato la penna che mi aveva regalato il nonno... Ma gli altri bambini invece mi dicevano che dovevo rispondere cose di valore, tipo telefono, cose che costano… Parlavate durante il questionario? No, no, non si poteva parlare, abbiamo parlato dopo. Sai che un bambino si è messo a piangere? Perchè? Perchè quando gli hanno chiesto se aveva un fratello o una sorella, non sapeva cosa rispondere, perchè Cinzia, la sua sorellina è andata via…, ma non sapeva come rispondere. Dio mio, ma chi, chi … In quel momento la mamma strinse forte la sua bambina ed insieme guardavano il gabbiano. Lo sguardo di una vita da donna e di una vita da bambina , di mamma e figlia si univano nella condivisione di quell’armonia che solo il volo libero del gabbiano poteva offrire. Quel volo era una sinfonia, una sinfonia silenziosamente musicale. Giulia avrebbe voluto dire alla mamma, che le avevano chiesto anche se i compagni l’avevano fatta sentire esclusa,quanti libri possedeva a casa, se a casa parlava il dialetto o meno, se aveva una cameretta tutta sua, cosa che aveva sempre desiderato ma che non poteva permettersi, se viveva con i suoi genitori, o meno. Giulia avrebbe voluto parlare. Ma decise che il silenzio era la miglior risposta a quelle domande che invasero il suo mondo, che invasero la sua comprensione del mondo. In tale silenzio il suo sguardo si perse nella profondità di quel cielo sempre meno colorato, sempre più cupo, ed una domanda continuava a ruotare nella sua testa, perché mi hanno chiesto se sono maschio o femmina? http://www.reset-italia.net/2012/04/24/che-fai-come-vai-chi-sei-sono-invalsato/ Tratto da: Che fai? Come vai? Chi sei? Sono Invalsato | Informare per Resistere http://www.informarexresistere.fr/2012/04/26/che-fai-come-vai-chi-sei-sono-invalsato/#ixzz1tETz8GQ8 - Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario!

4 commenti:

  1. che bel post.. leggendolo non si può far altro che riflettere..

    RispondiElimina
  2. ciao Michela
    è da tanto che non commento, ma il titolo del post non mi ha lasciata indifferente ... sai cosa penso che siano gli insegnanti che creano ansia nei bambini ... come sarebbe bello potessero sognare pur lavorando e imparando tante cose. Pensa che Federico mi ha chiesto se può restare a casa quando faranno le prove invalsi!!!
    un abbraccio Patrizia

    RispondiElimina
  3. bellissimo!
    Stamane porto in direzione scolastica la domanda per Superbimba, per fare da privatista l'esame di prima elementare: so che i privatisti non fanno le prove invalsi, tuttavia sono in ansia (ovviamente). Se dopo l'esame mi dicesse cose come queste che ha detto Giulia, o peggio?

    RispondiElimina
  4. Scusate la tarda risposta,vi posso dire che anche mia figlia maggiore che è alle superiori è rimasta turbata dalle domande degli invalsi tant'è che ha lasciato delle domande in bianco!"UNA MAMMA"ti capisco e ti ho nel cuore,si sanno di esami da privatisti eseguiti con serenità e comprensione e di altri che hanno messo a dura prova i bimbi,ti consiglio di entrare nell'aula dove la tua bimba fa l'esame,sicuramente conosci CONTROSCUOLA di Erika dove da consigli proprio per gli esami.In bocca al lupo e un grande abbraccio!

    RispondiElimina